Dis.Abilitando

Rappresentanti genitori Consulta Handicap Asl 8 Asolo – Montebelluna

Bambina disabile rifiutata dalla scuola

Posted by Luigi Scarpis su 2 ottobre 2009

La Provincia di Como del 02-10-2009

Manca l’insegnante di sostegno. Bambina rifiutata dalla scuola

il caso. Sonia, 3 anni, resta a casa mentre i genitori lavorano. Appello della madre

COMO. Mancano insegnanti di sostegno e lei non può andare a scuola. Questa, in sintesi, l’incredibile storia di Sonia, una bambina di tre anni con problemi motori che si è vista rifiutare la possibilità di frequentare, come gli altri bambini, una scuola materna.
Una ‘”odissea” che, per i suoi genitori, inizia lo scorso giugno: «Dopo aver iscritto – dice la madre Clelia Toscano – nostra figlia all’istituto comprensivo di Como-Albate sono iniziati i primi problemi. In primis sul posto che, essendo noi di fuori stradario, non ci era stato assicurato: l’alternativa era iscrivere la piccola nella nuova struttura di Trecallo, che non avrebbe permesso di portarla e andarla a prendere né a me né a mio marito, che lavoriamo, né ai nonni, che non guidano. Accettata l’iscrizione ad Albate è iniziato il problema del sostegno che l’allora preside, ora trasferitasi, ci ha negato senza alcuna spiegazione. Anche in seguito la richiesta del sostegno, di competenza del dirigente scolastico, è rimasta sul tavolo della presidenza senza essere inoltrata: situazione che ha reso impossibile la regolare entrata a scuola di mia figlia». Così, a inizio anno scolastico, i genitori sono andati a chiedere spiegazioni al nuovo preside «che – continua la madre – ci ha detto di rivolgerci al comune di Senna Comasco dove risiediamo che, per tutta risposta, ci ha indirizzati all’Ufficio scolastico provinciale. Dove infine ci è stato risposto che, a seguito dei tagli, non c’erano abbastanza insegnanti di sostegno per tutti gli alunni». Una situazione che ha letteralmente messo con le spalle al muro i due genitori costringendoli ad affidare la figlia alle cure dei nonni: «Non solo – continua la signora Toscano – non potevamo iscrivere nostra figlia alla scuola pubblica ma persino le paritarie gestite dalle suore la rifiutavano per i costi troppo alti che avrebbero dovuto sostenere. Una ci ha persino chiesto, per tenerla, una cifra elevatissima: ben 18 euro all’ora che, come famiglia, non avremmo mai potuto sborsare». Una situazione davvero critica: «I nonni, pur avendo il tempo per curarla, sono anziani e faticano a seguirla in tutte le sue esigenze. E per lei non bastano più: dopo tre anni di ospedalizzazione Sonia avrebbe bisogno di inserirsi in un nuovo contesto extra familiare in contatto con i suoi coetanei ma con l’assistenza di un adulto che l’aiuti a scendere le scale e che le faccia acquisire più sicurezza nei suoi movimenti in cui è sempre più autonoma: nella speranza che, nei prossimi anni, possa muoversi agevolmente senza nessun supporto. È semplicemente vergognoso che, nonostante la legge garantisca a tutti il diritto all’istruzione questo sia negato, nei fatti, dalla mancanza di personale o da altri problemi organizzativi». Ora la signora Toscano, con la tenacia che solo l’amore di una madre per la figlia può dare, rivolge un appello «a chiunque, scuola o istituzione, mi possa aiutare a risolvere definitivamente la situazione». Speriamo davvero che non rimanga inascoltato.

Matteo Borghi

Annunci

Una Risposta to “Bambina disabile rifiutata dalla scuola”

  1. valerio said

    cara Clelia, apprendo adesso la vergognosa notizia, sono vicino a te e a Salvatore. Non ti arrendere! Affettuosamente tuo cugino Valerio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: