Dis.Abilitando

Rappresentanti genitori Consulta Handicap Asl 8 Asolo – Montebelluna

Il ministero perde il primo round con le madri di tre bimbi disabili

Posted by Luigi Scarpis su 6 dicembre 2009

La Nuova Sardegna del 05-12-2009

Il Tar sospende il provvedimento governativo. Le ore di sostegno erano a rischio per colpa dei tagli

GHILARZA (ORISTANO). Il ministero dell’Istruzione sconfitto al primo round davanti al Tar da tre madri tenaci. Disposte a tutto per rivendicare il diritto a un insegnamento di qualità per i propri figli. Anche a correre il rischio – verosimile – di soccombere in una causa che le opponeva al dicastero della Gelmini. I tagli alle risorse economiche e umane sono proprio all’origine del contendere, perché da questi è dipesa la razionalizzazione delle ore di sostegno di cui avrebbero dovuto usufruire tre bambini disabili che frequentano la scuola dell’ obbligo negli istituti comprensivi di Ghilarza e Abbasanta. Un supporto didattico-formativo scontato nella teoria, in quanto previsto dalla normativa, ma carente nella pratica. Lo hanno testato a proprie spese le famiglie dei minori che alla riapertura dell’anno scolastico hanno dovuto fare i conti con una realtà avversa: il ridimensionamento del servizio garantito dall’insegnante di sostegno. Le 24 ore settimanali standard previste per il sostegno degli alunni disabili iscritti alle primarie, e le 18 assegnate agli studenti delle medie, erano state drasticamente ridotte a meno della metà. All’indignazione generale è seguita la reazione di un gruppo di genitori, che non riuscendo a risolvere il problema attraverso i numerosi appelli indirizzati agli Uffici scolastici regionale e provinciale, si sono rivolti al Tar: «Non potevamo restare con le mani in mano.», ha detto una delle mamme che hanno fatto ricorso, «Era in gioco il diritto all’istruzione dei nostri figli. Le poche ore concesse non erano sufficienti a garantire ai bimbi con difficoltà di apprendimento un percorso didattico adeguato». La decisione del Tar ha dato sostanzialmente ragione ai genitori, sospendendo di fatto le disposizioni del ministero, in attesa che la causa venga trattata nel merito in aprile: «Insomma, i nostri bambini potranno riavere l’insegnante di sostegno per il monte ore che gli spetta.», ha concluso una mamma di Abbasanta, «Ci auguriamo che ciò faccia da pungolo ad altre famiglie che stanno vivendo situazioni analoghe». (mac)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: