Dis.Abilitando

Rappresentanti genitori Consulta Handicap Asl 8 Asolo – Montebelluna

    Annunci
  • Docenti di sostegno? Nessun taglio

    Intervenendo alla trasmissione televisiva Uno Mattina, il ministro Gelmini ha anche parlato degli studenti disabili e dei docenti di sostegno. Ha smentito, tra l'altro, quanto riportato da alcuni organi di stampa, secondo i quali sono stati fatti dei tagli sugli insegnanti di sostegno. Tale notizia, secondo la Gelmini, è falsa.
  • sQuola a lutto

  • E’ UN’INVENZIONE DELLA STAMPA….

    Il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini continua però a tranquillizzare che “in Italia c’è un docente di sostegno ogni due studenti disabili e che nei casi di necessità il rapporto è di uno a uno”. “Ci sono state strumentalizzazioni e parecchia disinformazione che hanno prodotto solo un’inutile confusione”, aveva dichiarato pochi giorni fa all’inaugurazione del nuovo anno scolastico nel carcere minorile di Nisida a Napoli. (mt)
  • E’ UN’INVENZIONE DEL TG3…

    Roma, 24 set – Ogni notizia riguardante tagli degli insegnanti di sostegno e’ assolutamente falsa e priva di qualsiasi fondamento. Lo precisa una nota del ministero dell’Istruzione, l’Universita’ e la Ricerca. ”Non e’ vero – spiega la nota – che i docenti di sostegno sono diminuiti ma anzi, gli insegnanti di ruolo sono invece aumentati di 5.000 unita’ in questo anno scolastico. Ancora una volta il Tg3, con un servizio scandaloso di oggi su inesistenti tagli, anziche’ fornire un servizio pubblico fa disinformazione e propaganda politica”.
  • Articoli Recenti

  • Più cliccati

    • Nessuna
  • I vostri commenti …..

    calcoli strutturali su Rette Rsa: le associazioni con…
    wildcat c5 crossbow su L’Assistente all’a…
    fuck me su Rette centri diurni: Famiglie…
    francesco su Rette Rsa: le associazioni con…
    cosimo su DISABILI: BRUNETTA CONTRO PENS…
    Massimo Ugolini su zero commenti….
    mara serena su Consulta : incostituzionale li…
    Angela su Sentenza importante a favore d…
    carmelo su Sentenza importante a favore d…
    Mara Rovo su Rette Rsa: le associazioni con…
    S.M. su Rette Rsa: le associazioni con…
    antonella su Gita scolastica? Paga la …
    giovanni su Consulta : incostituzionale li…
    maria antonietta Soi su Consulta : incostituzionale li…
    maria antonietta Soi su Consulta : incostituzionale li…
  • Blog Stats

    • 44,567 hits
  • Flickr Photos

  • maggio: 2010
    L M M G V S D
    « Feb   Ott »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

Perché ritornano le scuole speciali

Posted by Luigi Scarpis su 21 maggio 2010

Il Corriere della Sera del 18-04-2010

Perché ritornano le scuole specialiL’integrazione scolastica degli alunni con disabilità scricchiola?

di Franco Bomprezzi

I genitori cominciano a pensare che sia meglio una scuola specializzata piuttosto che l’inserimento solo sulla carta, senza servizi adeguati, nelle scuole normali? Il campanello d’allarme sta suonando da qualche tempo, e una serie di interventi nel forum «Ditelo a noi», nel canale Disabilità di corriere.it, ha rivelato come, sia pure a malincuore, alcuni genitori — stanchi di combattere contro i mulini a vento, in una scuola pubblica spesso in crisi di identità, di personale e di strutture — cerchino per i propri figli con disabilità grave una soluzione di ripiego, che si presenta però sotto forma accattivante di specializzazione, competenza, presa in carico personalizzata.

Le cosiddette «scuole speciali», che non sono più previste dalla nostra legislazione, stanno dunque riaffacciandosi: non sono mai del tutto scomparse, e vivono in quest’ultimo periodo una nuova e imprevista popolarità. Un fenomeno non particolarmente esteso dal punto di vista numerico, si parla di qualche migliaia di alunni, ma quanto basta a mettere in discussione uno dei pilastri della legislazione scolastica italiana, una legge che risale al 4 agosto 1977, la n. 517, che per la prima volta sanciva “«orme di integrazione a favore degli alunni portatori di handicaps con la prestazione di insegnanti specializzati». Sono trascorsi 33 anni, e l’Italia è divenuta un modello di integrazione apprezzato in tutto il mondo. Un modello che ha profondamente modificato la scuola nel suo complesso, migliorando fortemente la socializzazione dei ragazzi disabili, e, di converso, l’accettazione delle diversità (i compagni di classe diventano quasi sempre amici degli studenti con disabilità). Anche l’insegnamento ne ha tratto giovamento, per riconoscimento ampio e non contestabile.

Una scuola a misura di handicap è una scuola migliore, capace di ascoltare, di mettersi in discussione, di valorizzare le capacità dei migliori senza perdere di vista le difficoltà di apprendimento di chi è più fragile. Ma la stanchezza di questo modello è evidente, nonostante la sentenza della Corte Costituzionale che ribadisce il diritto a una integrazione in classi non sovraffollate. Ma non è giusto che la responsabilità della scelta ricada solo sui genitori, nel silenzio delle istituzioni scolastiche, nel vuoto di un dibattito culturale, che sembra inaridito. Un’ultima notazione, personale: sono nato con una grave disabilità fisica, e senza l’inserimento nella scuola pubblica, in tempi nei quali ancora le leggi non esistevano, la mia vita avrebbe preso tutt’altra direzione e non sarei riuscito a raggiungere nessuno degli obiettivi «normali» che invece non mi sono mai stati preclusi. Mi dispiacerebbe vedere l’Italia tornare indietro. Non è giusto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: